I nostri limiti

Essere liberi di fare qualcosa non significa essere capaci di farla o avere la possibilità di farla.

Siamo infatti limitati da diversi fattori, come i seguenti.

  • Le leggi, la morale comune e la nostra autocensura che ci proibiscono certi comportamenti.
  • Il nostro corpo fisico, che è vulnerabile, ammalabile, ed ha una resistenza e una forza muscolare limitate, che diminuiscono con la vecchiaia
  • I limiti delle nostre capacità mentali (intelligenza, memoria, creatività ecc.).
  • La nostra ignoranza e i nostri errori cognitivi.
  • Le nostre emozioni, specialmente l'amore e la paura, l'attrazione e la repulsione, che ci vincolano e inibiscono.
  • La competizione e i conflitti con altre persone.
  • La nostra dipendenza dagli altri
  • La nostra paura della solitudine.
  • La scarsità delle risorse naturali, economiche e umane, e il disordine e l'inequità in cui sono distribuite.
  • L'imprevedibilità dei comportamenti altrui, nostri e del futuro in generale.
  • L'incontrollabilità e imprevedibilità dei nostri bisogni.
  • Il determinismo dei nostri processi mentali che limita il nostro libero arbitrio.
  • La morte, che prima o poi incontreremo.
Sono limiti enormi e incalcolabili, che ci lasciano poche opzioni e angusti margini di libertà. Tuttavia siamo responsabili di come utilizziamo le libertà, le capacità, le possibilità e le risorse di cui disponiamo.

Le nostra libertà e capacità sono molto meno limitate nei campi della fantasia, immaginazione, suggestione, astrazione, speculazione intellettuale, produzione formale, artistica, etica ed estetica e in tutto ciò che è immateriale, ovvero informativo o informatico.

E' importante non  dimenticare e non sottovalutare i nostri limiti per non farci del male, per non cadere in modo irreversibile e irrecuperabile. A che serve continuare a sbattere la testa contro le sbarre della nostra gabbia se queste sono infrangibili? Possiamo invece attraversarle con la nostra immaginazione e invenzione, che ci può condurre in qualunque luogo esistente o inesistente, del passato, presente o futuro, con compagni di viaggio reali o immaginari.

[Copia del post in Il mondo visto da me]