Psicoscopio

Lo Psicoscopio è una procedura per esplorare e ristrutturare in modo più soddisfacente la propria mente, basato sulla “meditazione sinottica”. Consiste nel (1) rilevare col pensiero e registrare in forma scritta un certo numero di  “oggetti mentali” emotivamente importanti, (2) depotenziare quelli disturbanti, (3) conciliare e armonizzare quelli dissonanti e antagonisti, e (4) attivare o riattivare interconnessioni tra qualsiasi coppia di oggetti mentali.

Lo Psicoscopio serve ad agevolare una psicoterapia e/o favorire lo sviluppo dell’intelligenza emotiva e della creatività. In tal senso si può dire che lo Psicoscopio costituisca un inventario non strutturato dei contenuti psichici del soggetto. Lo Psicoscopio è anche uno strumento per costruire mappe mentali destrutturate e per fare brainstorming su qualunque tema, o come supporto scritto di una psicoterapia o autoterapia.

Scarica il modello dello Psicoscopio.

Istruzioni per l’uso dello Psicoscopio

  • Scarica il modello per mappe parziali da qui e stampane alcune copie da usare man mano che servono.
  • Procurati un raccoglitore ad anelli in cui inserire le mappe parziali
  • Prendi una pagina prestampata vergine e, in alto, nello spazio apposito, scrivi la data di inizio della compilazione
  • Scrivi in un riquadro qualsiasi il nome o titolo della prima cosa che ti viene in mente che abbia una qualche importanza per la tua vita e/o una carica affettiva positiva o negativa. Un riquadro così riempito costituisce un “oggetto mentale”. Esso può essere di qualsiasi tipo (vedi nella sezione “Tipi di oggetto mentale” la lista di possibili tipi. Scrivi preferibilmente in stampatello in modo da facilitare una successiva lettura veloce.
  • Continua ad aggiungere agenti mentali nella mappa parziale finché tutti i riquadri non sono pieni
  • Non cercare di rispettare alcuna coerenza, ordine, struttura, logica o razionalità nell’identificazione degli agenti mentali. Scrivi liberamente le cose che ti vengono in mente, anche se non hanno nulla a che vedere con quelle scritte precedentemente.
  • Aggiungi la pagina con la mappa parziale completata nel raccoglitore e inizia a riempire una nuova pagina
  • Prosegui liberamente il riempimento delle pagine. Non ci sono regole sul numero minimo e massimo di agenti o di mappe parziali da compilare ogni giorno.
  • Ogni volta che ne hai voglia, sfoglia e rileggi le mappe parziali raccolte. La visione degli agenti mentali rilevati costituisce uno stimolo per l’identificazione di ulteriori agenti.
  • E’ possibile che la visione degli agenti mentali provochi ansia, tensione o tristezza. Questo dimostra che lo Psicoscopio sta avendo l’effetto previsto. Se la sensazione è sopportabile, continua ad usare lo Psicoscopio come sopra descritto, altrimenti fai una pausa finché ti senti di nuovo in grado di continuare con sufficiente calma.
  • Rileggi periodicamente tutte le pagine della cartella, dalla meno recente alla più recente, ricominciando dal’’inizio quando si arriva all’ultima. La rilettura può essere più o meno frequente a tua scelta ed essere sospesa e ripresa in qualsiasi momento, anche in giorni diversi.
  • Nei momenti di sconforto, ansia o insicurezza, o quando ti senti motivato o ispirato a concepire nuove idee, svoglia il raccoglitore e rileggi i titoli degli agenti mentali.

E’ tutto qui. Non è necessario fare altro poiché la riorganizzazione e armonizzazione degli agenti mentali avviene in modo automatico senza l’intervento della coscienza o della volontà. Mentre sfogli il raccoglitore e osservi sinotticamente i titoli degli agenti mentali, il cervello lavora per conciliarli e armonizzarli senza che tu te ne renda conto o debba avere un ruolo attivo. Proverai soltanto sensazioni inizialmente di tensione poi di sempre maggiore serenità o euforia, finché un giorno non avrai più bisogno dello psicoscopio come raccoglitore fisico, perché continuerai ad usarlo nella tua immaginazione. Tuttavia farai bene a non abbandonare mai il raccoglitore con gli agenti identificati. Potrebbe esserti di nuovo utile in caso di ansia o insicurezza o per stimolare ulteriormente la tua creatività.

Tipi di oggetto mentale

domanda
problema
ipotesi
equazionedefinizione
affermazione
pensiero
persona
oggetto
gruppo o insieme
sentimento
desiderio
bisogno
obiettivo
volontà
paura
scopo
sospetto
problema
soluzione di un problema
concetto
idea
attività
intenzione
interazione
situazione
stato
previsione
fantasia
valutazione
mezzo per raggiungere un fine
come fare per…
confronto (corto circuito) tra due agenti mentali
ricordo
evento
esperienza
immagine mentale
figura
simbolo
luogo
categoria di persone
altre categorie
fenomeno
contesto
spiegazione
conflitto
opera d’arte
opera letteraria
manufatto
azione
segreto
nascondiglio
composizione
triangolo affettivo
doppio triangolo affettivo
constatazione
fonte di piacere
fonte di dolore
altro (da definire)

Categorie di agenti mentali

Gli agenti mentali possono essere raggruppati nelle categorie elencate nella lista che segue. “X” rappresenta qualsiasi persona.

NOTA: non è necessario organizzare gli agenti mentali inseriti nello Psicoscopio secondo tali categorie. Queste sono qui riportate solo per stimolare l’identificazione di agenti mentali rimossi, dimenticati o trascurati.

  • bisogni miei e di x
  • paure mie e di x
  • visioni del mondo mia e di x
  • gusti e fonti di piacere miei e di x
  • disgusti e fonti di dolore miei e di x
  • autorità che io e x rispettiamo
  • autorità che io e x non rispettiamo
  • cose importanti per me e x
  • colpe e meriti miei e di x
  • ricordi dolorosi e piacevoli  miei e di x
  • agenti mentali miei e di x
  • conflitti e dissonanze miei e di x
  • persone particolari importanti per me e x
  • tipi di persone importanti per me e x
  • diversità e somiglianze tra me e x
  • errori miei e di x
  • diritti e doveri miei e di x
  • opzioni, risorse, capacità e impossibilità mie e di x
  • soddisfazioni e frustrazioni mie e di x
  • sentimenti miei e di x
  • cose che io e x vogliamo adesso

Suggerimenti di agenti mentali da inserire nelle mappe parziali

La lista che segue contiene alcuni suggerimenti di agenti mentali da riportare nelle tue mappe parziali. Sostituisci “X” con il nome di una persona per te significativa.

  • le mie colpe
  • i miei meriti
  • perché sono ansioso?
  • i miei doveri
  • le mie responsabilità
  • i miei obiettivi
  • in cosa voglio cambiare
  • come voglio vivere
  • cosa mi fa più paura
  • cosa sto sbagliando
  • i miei compagni di giochi
  • quanto i miei genitori mi rispettavano
  • quando fui rifiutato
  • quando fui ingannato
  • quando fui sfruttato
  • cosa mi aspetto dagli altri?
  • i miei punti di forza
  • l’affetto dei miei genitori per me
  • i miei diritti
  • la mia capacità di far valere i miei diritti
  • le ingiustizie che ho subito
  • il mio corpo e i suoi difetti
  • perché dovrei essere rifiutato o escluso?
  • il mio coraggio di soffrire
  • cosa rischio?
  • tradizioni che disprezzo
  • quanto mi sento utile agli altri?
  • quali miei diritti sono stati violati?
  • quali diritti altrui ho violato?
  • quanto sono giusto?
  • quanto sono in pace con Dio?
  • quanto sono egoista?
  • cosa nascondo a X?
  • ridere delle mie paure
  • in cosa vorrei avere successo?
  • cosa ricordo di …..
  • cosa mi impedisco di fare
  • cosa temo?
  • cosa mi incuriosisce?
  • immaginare di essere un altro
  • a chi sono simpatico?
  • la mia visione del mondo
  • la visione del mondo di X
  • chi vorrei essere vs. chi sono
  • le mie dipendenze
  • i miei limiti
  • le autorità che rispetto
  • le autorità che non rispetto
  • le mie fantasie erotiche
  • cose di cui mi sono vergognato
  • cose di cui mi vergogno
  • i miei bisogni
  • le mie paure
  • la volta che accadde …..
  • cosa apprezzo di X?
  • cosa disprezzo di X?
  • cosa apprezzo di me?
  • cosa disprezzo di me?
  • a chi sto facendo del male?
  • di cosa posso parlare con X?
  • persone che invidio
  • in cosa sono diverso da X?
  • cosa abbiamo in comune io e X
  • a chi ho fatto del male
  • la cosa peggiore che potrebbe capitarmi
  • quando non ho avuto il coraggio di ribellarmi
  • quando non ho avuto il coraggio di difendermi
  • quando non ho difeso chi aveva bisogno di essere difeso
  • quando non ho aiutato chi aveva bisogno di aiuto
  • quando sono stato arrogante
  • la mia cultura
  • chi può farmi del male?
  • in cosa posso migliorare
  • cosa dirò a X
  • quanto mi piace la compagnia di X
  • litigare con X
  • fare sesso con X
  • scherzare con X
  • perché mi nascondo
  • cose che mi preoccupano
  • cosa mi annoia?
  • i miei ricordi più brutti
  • i miei ricordi più belli
  • paura di mostrarmi agli altri diverso da come mi conoscono
  • il mio diritto di cambiare idee e personalità
  • la mia rabbia repressa e rimossa
  • come fare per cambiare?
  • la mia paura di cambiare
  • le mie fonti di piacere
  • le mie fonti di dolore
  • le mie motivazioni
  • le mie inibizioni
  • il mio conformismo
  • la mia socievolezza

Torna a Strumenti.